Tag: daesh

Nouri Bouzid, facing any taboo in the Arab world

“In our tradition there is a strange reversal of roles, where the rapist is proud and the victim must be ashamed”. I remember once, when I returned to my city in Sfax, I met my brother and other friends and acquaintances playing cards in a bar. I joined them, and I recognized someone who had been a rapist when we were younger, even though he was a few years older than me. Well, at a certain point he said to me, and repeated it several times, without anyone reacting in any way: “if I had raped you as a young man, you would not have had the courage to open your mouth now”…

Mahi Binebine, Il grande salto dei kamikaze

Il grande salto di Mahi Binebine

“Forse l’Inferno è l’incapacità di cambiare le cose. Invece la fede ci faceva vedere il Paradiso”. Parla un kamikaze e lo fa nel nuovo libro di Mahi Binebine, ex studente e professore di matematica a Parigi e oggi pittore e scrittore a New York. Nato nel 1959 a Marrakech.
Il grande salto (titolo originale Les étoiles de Sidi Moumen) è un romanzo ispirato a fatti realmente accaduti a Casablanca nel 2003. In Marocco è uscito sei anni fa “dopo una lunga gestazione”, e ora “è stato finalmente tradotto in italiano da Rizzoli. E mai pubblicazione è sembrata più attuale e necessaria”…

Jinealogia, la nuova scienza che libera le donne

tierra_y_libertad_by_scumbugg

[segue da: Dilar Dirik, il patriarcato non è naturale]
Giorni fa era uscita la notizia che Dilar Dirik, ricercatrice in Sociologia all’università di Cambridge e attivista del Movimento delle Donne Curde, era a Roma per parlare, anche, di Jinealogia e Confederalismo: il femminismo oltre lo stato nazione.
Jinealogia? Mai sentita…

Movimento delle Donne Curde: “il patriarcato non è naturale”

“Qualcuno di voi a scuola ha mai studiato le origini del patriarcato?”, chiede Dilar Dirik, ricercatrice in Sociologia all’università di Cambridge e attivista del Movimento delle Donne Curde. La domanda retorica scivola nel silenzio e allora Dilar cerca di riassumere solo seimila anni di umanità sulla Terra, quando dal lento passaggio dalla specie Habilis a quella “moderna” Sapiens, di mezzo ci fu la scoperta dell’agricoltura e della scrittura, che segnò l’ultima fase della Preistoria, il Neolitico. Si formarono allora le prime società “moderne” che erano organizzazioni matriarcali, dove le donne svolgevano le funzioni interne, sociali, economiche e politiche, e gli uomini quelle esterne, di sussistenza e difesa…

From war on drugs to drugs in war

The finding of captagon, some kind of amphetamine, in the pockets or blood of many jihadists affiliated to Islamic State surprised the public opinion. But using drugs in wars is an ancient practice. Anyway it’s a paradox how the same Governments who spend billions in the war on drugs or groups that punish the use of narcotics with death penalty, if they have to prevail against the enemy, don’t mind to step on everyone and everything…