Tag: covid19

A quick history of soap

Known to Babylonians and many other populations three thousand years before Christ, soaps as we use them today come from the Arabian Peninsula and specifically Alep. The area was rich of olive and bay trees, whose oils were necessary for their preparation. Once luxury goods, soaps began to be produced industrially and therefore popular in the XIX century, also thanks to the progress in chemistry…

The bat is not a “plague-spreader”, it’s more like an “antivirus”

pipistrelli habitat

Medically speaking, bats are behind all the viral epidemics of the last decades. SARS in China, MERS in the Middle East, Nipah in Malaysia, Ebola in Africa, now Covid19. The pattern is always the same, the virus goes from bats to an intermediate host and then there is the spillover towards humans. Once again, bats have to shake off their negative reputation: they’re not the problem, they can actually be the solution…

Lo smart working non è “semplice” lavoro da casa

Le testimonianze “dal basso”, delle persone che si conoscono, sono sempre più “vere”, in termini di intenzioni. Sono voci che vanno oltre la semplice intervista, e sono la parte più “antropologica” di StereoType. In questo caso sono citazioni di “amici” in qualità di “lavoratori” (e viceversa) che stanno affrontando il “nuovo mondo” del lavoro in quarantena. Per molti lavorare da casa non era un’abitudine, anzi, è stata una costrizione a cui si sono dovuti abituare per forza, e anche velocemente. Così, perfino in “Fase 2”, continuano a sperimentare un senso di “reclusione” senza benefici o addirittura con meno benefici rispetto al classico “lavoro in ufficio”. Il tutto a causa del famigerato “smart working”. Ma la colpa non è sua, siamo noi (italiani) che gli diamo il significato sbagliato, e da lì tutto il resto a cascata…

Il pipistrello non è “untore”, ma “antivirus”

Che fossero visti come demoni, divinità o supereroi, i pipistrelli non sono mai stati considerati con indifferenza. E anche l’approccio puramente scientifico (a volte antropocentrico) non li valuta neutrali. Per l’utilità nello sviluppo dell’agricoltura, essendo in grado di impollinare anche a grandi distanze, per la difesa dalle zanzare (possono mangiarne anche un migliaio a notte), ora anche come “antivirus” naturale. Ma, giustamente, alle sue condizioni…