Author Archives

Gabriele Santoro

Without order nothing exists, without chaos nothing evolves

… viva viva la Befana

Come spesso accade, la figura della Befana è frutto del sincretismo religioso. Già dal X secolo a.C in tutta la penisola si erano sviluppati dei riti legati ai cicli di produzione agricola, in cui la Madre Terra moriva al solstizio d’inverno per rinascere in primavera. L’evocazione di figure femminili volanti, simbolo di fertilità, avveniva dodici giorni dopo il sol invictus, (quindi il 6 gennaio), in riferimento al numero dei mesi del calendario romano…

Trap, giovani e società

trap gta

La trap è salita all’attenzione dell’opinione pubblica dall’incidente della discoteca di Corinaldo, in provincia di Ancona, avvenuto durante un concerto di Sfera Ebbasta. Ciò che è socialmente interessante è il fatto che ci si sia magicamente accorti di chi è Sfera, di cosa canti, del messaggio che veicoli. E dare la colpa a lui o al genere musicale è un modo di deresponsabilizzarsi, di non capire che sono frutto dell’ambiente circostante, né più né meno. Non tentano di modificarlo in meglio, si adattano perfettamente ai valori più popolari, soldi, sesso e droga…

Destra e sinistra non sono ideologie superate

Nonostante venga ripetuto fino alla nausea che non esistono più le ideologie storiche e che la competizione ora è tra establishment e popolo, non siamo affatto di fronte a una novità. Tutto scorre nello stesso alveo di duecento e oltre anni fa, secondo una tripartizione che non si è discostata dalla classificazione destra (figlia del nazionalismo), sinistra (erede del socialismo) e centro (capitalista e liberista)…

Fast fashion, if ethics is not a trend

Fast fashion was created in the Nineties thanks to brands that proposed a recognizable and low cost dressing style. It developed through these decades following high-fashion, but remaining much cheaper and most of all it changed timing. Collections went from two cycles a year (basically summer and winter) to almost weekly ones, for a constant renovation of the store shelves. Sustainability is the other side of the coin, though

Fa bene, fa male, anzi contrordine. Cibo e comunicazione dei media

Ci piace credere che esista la dicotomia tra il bene e il male (e non solo nell’alimentazione), che ci faccia mettere un cibo in una categoria inequivocabilmente ben definita. E la comunicazione, specie dei media, non aiuta. La realtà è pero fluida e le variabili sono molteplici, soggettive e oggettive. Solo tenendo conto di tutti gli aspetti ci si può liberare da un inflessibile condizionamento…

Viva Topolino, 90 anni di Mickey Mouse

Topolino sarebbe potuto essere un coniglio di nome Oswald o un topo chiamato Mortimer, ma alla fine il controverso Walt Disney seguì la bocciatura della moglie e optò per Mickey Mouse. Ora il marchio leggendario appartiene alla cultura popolare statunitense e mondiale. Fumetti, film, parchi a tema, orologi e poi tutto il resto del merchandising, più infiniti riferimenti e citazioni. E compie 90 anni…

Hollywood, from a prohibitionist village to the star system

Looking at all the stories of alcohol and/or drugs addiction that affect the showbiz, it’s hard to believe that Hollywood was founded with the purpose to create a prohibitionist town. At the end of the XIX century, the entrepreneur Harvey Henderson Wicox, during the honeymoon, is convinced by his wife Daeida Hartell to buy an area of 50 hectares to establish an oasis free from alcohol…

Bora Milutinović, l’allenatore cittadino del mondo

Bora Milutinović da Bajina Bašta, città serba al confine con la Bosnia, non ha avuto la carriera sfavillante di colleghi vincenti come Mourinho e Guardiola o gli italiani Lippi, Ancelotti e Capello. Ma più di loro è stato in grado di emozionare quelli che del calcio apprezzano le storie che trascendono il gioco di per sé. Cinque mondiali con cinque nazionali diverse, record condiviso con il brasiliano Carlos Alberto Parreira – che però uno, quello di USA ’94, se lo porta a casa. Milutinovic si “limita” a segnare piccoli grandi record…

Uguaglianza e diritti delle donne, lo strano caso della Svizzera

La Svizzera è considerata come uno dei migliori esempi di Paese civile, per la neutralità nelle guerre mondiali, il massiccio ricorso alla democrazia diretta con in numerosi referendum, diritti avanzati (vedi eutanasia), l’essere sede di istituzioni come la Croce Rossa o teatro di trattati come la Convenzione di Ginevra. Ma non mancano le contraddizioni, dalle banche che hanno accettato soldi di evasori e nazisti, la velata intolleranza, il ritardo nel concedere uguaglianza alle donne. Per la serie “forse non tutti sanno che…”, le elvetiche hanno ottenuto il suffragio solo nel 1971…

“Penultima data del tour mondiale” di Valerio Lundini apre la stagione “indie” del Parioli

Valerio Lundini, 32 anni, è un personaggio particolare. Fumettista, attore, autore, musicista, comico sicuramente ma difficile da collocare in qualche categoria e impossibile da descrivere. Lui e soprattutto il suo lavoro, fatto in particolar modo di scenette surreali ma a pensarci bene ben radicate nella realtà, a volte proprio alla lettera. Insomma, più facile guardarlo che spiegarlo, raccontarlo non rende bene…

This is Halloween

Not totally pagan or Christian, Halloween is one of the many examples of religious syncretism. Rooted in Celtic and therefore pre-Christian traditions, Halloween was “resumed” during the VIII century by the monk Alcuin of York, who superimposed All Saints’ Day to the celebrations of Samhain, a joyful memory of the dearly departed. The name itself Halloween is the contraction of All Hallow’s Eve…

You can’t be neutral on a moving train

Historians, such as journalists, focus on the most important people. “What really matters are the countless small deeds of unknown people who lay the basis for the events of human history”, Howard Zinn once said. Why did he write a history book? Because there wasn’t any like it. It’s A people’s history of the United States, published in 1980 and corner stone of this specific sector. Because Zinn was one of those who changed the narration perspective, placing the last ones with the greatest characters…

Non sono razzista ma…

Le cose sono cambiate dai tempi in cui rozzi e poco istruiti contadini del sud degli Stati Uniti si infilavano una palandrana bianca con cappuccio appuntito e buchi per gli occhi. Quel genuino razzismo che odiava indiscriminatamente (paradossalmente) ha lasciato il passo a un sentimento da una parte attenuato dal filtro del censo e che dall’altra si maschera dietro argomentazioni che più di tanto non reggono, anche se alcune, per un attimo, sembrano addirittura sensate…