Author Archives

Gabriele Santoro

Without order nothing exists, without chaos nothing evolves

Atheism in religious wars

Atheism, in religious wars, is even more despised than the rival cult. In the eyes of extremists, any rival would be better, as at least he believs in something. The “wrong” god, sure, but with a moral. Preconcepts are at their lowest rate in scandinavian countries, where atheism is more scattered. Because knowledge is always the best antidote. Not having a religious ethic doesn’t mean not having an ethic at all, Humanism should have thaught a little something…

Le convenzioni e l’impossibilità di combatterle (tutte)

Convenzioni André Derain Età dell'oro

Le convenzioni permeano ogni aspetto della collettività, per definizione. Per quanto ci si possa vantare di essere alternativi, anticonformisti e anticonvenzionali, questo sarà possibile sono in minima parte. Altrimenti dovremmo mettere in questione ogni cosa, a partire dal linguaggio e dal calendario. Allora meglio avere la consapevolezza che si potranno ottenere solo piccole ma magari significanti vittorie e concentrarsi su cambiamenti lenti ma inesorabili. Perché “senza ordine non può esistere nulla, senza caos nulla può evolvere”…

Satira: una spada, uno scudo, una medicina

“Sono sicuro di offendere, ma non chiedo scusa. Un comico deve portare in posti sconosciuti, altrimenti potreste andarci da soli. C’è tanta comicità blanda, senza rilevanza. Non ci sono argomenti tabù, dipende dalla battuta. Prendiamo l’humour nero, tutto sta nella consapevolezza che chi racconta e chi ascolta non siano così. Usiamo la comicità come una spada, uno scudo e una medicina”. Ricky Gervais

If women had the power and ruled the world

Women power

If women had power and ruled the world, there will be peace and social justice. It would be true if everybody was like Benazir Bhutto or Aung San Suu Kyi. But the reality is more complex, of course not every woman is the same and the few examples we had (Thatcher, Condoleezza Rice and so on) suggest that nothing would change. A totally different thing would be talking about the inequalities of women in access, opportunities and payment…

A tattoo is forever

tattoo mummy

When we say that a tattoo is for ever, we really mean it. Removal operations aside, the discovery of tattoed up mummies showed how the ink survives better than the skin thousend of years after the death. Embalming procedures are less frequent nowadays, of course, so “for ever” is limited to the life of the person who decides to decorate his or her body, until decay overcomes…

Santa Muerte, un’icona travisata

Santa Muerte

Cappuccio e corona in testa, falce in una mano e globo nell’altra, con la variante della clessidra. Soprattutto un’infinita possibilità di tuniche, per forma e colore. La Santa Muerte, un po’ Madonna, un po’ Tristo Mietitore, un po’ pagana, è recentemente diventata un’icona famosa in tutto il mondo per l’erronea associazione al mondo della criminalità e del narcotraffico messicano…

Africa, magia e calcio

Perché la Costa d’Avorio non ha vinto per 23 anni la coppa d’Africa nonostante fosse la squadra più forte? E come ha fatto un portiere a sfidare l’intero regime dello Zaire per vincere la coppa campioni? In Africa occidentale calcio e magia si fondono in una serie di rituali che i colonizzatori chiamarono juju, fantasmi di fumo che per la loro concretezza diventano reali. Ma ci crediamo più evoluti quando abbiamo giocatori che pregano per battere il Crotone o l’Empoli o altri che scendono in campo con le stesse mutande, per scaramanzia?

Nell’antica Roma già succedeva

Per quanto crediamo che la tecnologia sia tanto rivoluzionaria, in realtà la maggior parte dei contenuti non sono cambiati troppo rispetto a migliaia di anni fa. Nell’antica Roma sono state coniate teorie politiche ancora valide e seguite, anche personaggi che noi riteniamo contingenti di un periodo storico-geografico ben determinato, hanno molti tratti comuni con i predecessori del passato. Anche Berlusconi, Grillo e Renzi…

Crimini d’odio, legiferare il fallimento (Hobbes aveva ragione)

Leggi che inaspriscano le pene per i crimini d’odio sono considerate avanzate. Ma cambiando prospettiva, una società che necessiti interventi normativi del genere dimostra tutta la sua debolezza. Se bisogna per forza specificare che la discriminazione etnica, di genere, preferenza sessuale e religiosa è da condannare, vuol dire che qualcosa non va. E per quanto il lavoro dei legislatori possa essere apprezzabile, è al tempo stesso sintomo del fallimento del senso di comunità…