Author Archives

Gabriele Santoro

Without order nothing exists, without chaos nothing evolves

Fake news, falso problema

Le fake news sono l’allarme del momento. Un sondaggio effettuato dalla Bbc in 18 Paesi di tutto il mondo rivela che il 78% degli intervistati si sente preoccupato, in maniera più o meno seria, dalla proliferazione di queste notizie. Ma alla fine la manipolazione quanto incide realmente?

New scapegoats

Not only people, or direct productions of humanity such as machines, have the privilege of being labeled as scapegoat. It happens to plants, substances, animals (this time as food, not as living beings). Gluten, palm oil, red meat are no worse than many other products, but somehow have an indelible mark…

Cucina e tv

Cucina e televisione, è un binomio che consideriamo fin troppo abusato negli ultimi anni. In realtà sono sempre andate a braccetto e il proliferare di programmi dedicati alla buona tavola è solo dovuto alla moltiplicazione dei canali e degli orari di messa in onda, spalmati lungo tutto l’arco della giornata perché pensati per una platea più vasta. Più che altro è cambiato il modo di affrontare l’argomento…

Iconicità dei capelli

I capelli non hanno nessuna funzione o utilità per la sopravvivenza della specie, eppure nessun popolo è mai riuscito ad ignorarne la forte simbologia. Nell’immaginario collettivo rappresentano uno status associato, per uomini e donne, alla personalità, alla sicurezza di sé, alla seduzione e alla sensualità…

Rise of the machines

The rise of the machines is a fear with ancestral roots, if we mean, by extension, the rebellion against your own creator. Ancient Greeks developed this topic with the myth of Prometheus and Zeus’ mistrust towards humans, dangerous because in constant evolution. With the a.i. the relationship humans-gods shifts into machines-humans The creator starts the sparkle and civilization goes on by itself, until there is no more need of deity…

Buonismo? No, Stato sociale

Scriveva sulle pagine del Corriere il politico e sociologo Luigi Manconi. “Non è buonismo chiedere che la legge sia uguale per tutti, pretendere il rispetto dei diritti umani, sbugiardare le balle di tanta informazione. Né è buonista aspettarsi che uno Stato democratico, con tanto di Costituzione, abbia una politica che protegga i soggetti più deboli. Si chiama Stato sociale. Si chiama democrazia rappresentativa e redistributiva”.