Author Archives

Gabriele Santoro

Italia sotto stress. Il rapporto Censis 2019

stress italia lavoro

Il rapporto Censis 2019 parla di un’Italia sotto stress, preoccupata dell’avvenire, di capisaldi come il mattone e i Buoni ordinari del tesoro che non rassicurano più e di contrastanti dati (amore e odio) sulla politica. L’aleatorietà, appunto, è l’unica certezza, percepita dal 69% delle persone…

Greta Thunberg, if a symbol is still needed (Iconoclasty pt. 2)

The word symbol comes from ancient Greek, when it used to mean “token, watchword”. It was a combination of two terms, “throw” and “together”, so “throwing things together”. Now it’s something that can recall an idea which is different from the immediate, direct, literal aspect. In a nutshell, something evocative, whether it’s the big bad wolf in the fairy tales or Greta Thunberg’s braids…

Matteo 19,14 – fin dove ti spingeresti per una persona cara?

Matteo 19,14

Fino a dove ti spingeresti per una persona amata? Matteo 19,14, scritto da Lorenzo Gioielli e interpretato da Elisabetta Jane Rizzo ed Emiliano Coltorti per la regia della stessa Rizzo, non può che lasciarti con questo spinoso quesito. E complice la speciale atmosfera che si crea nella raccolta sala del Teatro Stanze Segrete, lo spettacolo ti mette di fronte a te stesso, alla tua personalissima etica che, nel profondo, può andare oltre le convinzioni ufficiali e canoniche che crediamo di avere…

The Middle Ages weren’t just “dark”

When you think about the Middle Ages you usually picture dearth and pestilence, violence, tortures and wars, peasants under the rule of a sadistic king or feudatory, creepy monks, scheming popes, inquisitors, ignorance, superstition, the end of the world in the year 1000 a.D. A long period too quickly labeled as “dark”, just a time of passage between the splendor of the classic era and Renaissance. That’s another misinterpretation, because history itself is a constant transition, an ongoing process, not only the Middle Ages. But this is what we learn at school…

Calcio e regime (pt. 2): il no di Carlos Caszely

Solitamente il calcio e lo sport in generale sono stati sfruttati dal regime del momento per propagandare la forza del Paese. Ma può succedere anche il contrario. Carlos Caszely, forte e popolare attaccante cileno degli anni Settanta e Ottanta, è stato decisivo nella campagna elettorale che ha sancito la fine di Pinochet nel referendum del 1988…

Calcio e regime

Mussolini è stato uno dei primi a capire come il calcio potesse essere veicolo di propaganda e sicuramente il primo a sfruttare un evento sportivo importante come i mondiali del 1934. Da una parte si mostra il lato migliore all’estero, nascondendo ogni altra nefandezza, dall’altra si compatta il popolo verso l’obiettivo finale, la vittoria. Il tutto ovviamente intriso di una stucchevole retorica, che sarà scopiazzata in tutto il mondo quando necessario al potere e al regime di turno…

Greta Thunberg, se un simbolo è ancora necessario (Iconoclastia pt. 2)

Simbolo e ragione non devono necessariamente parlare la stessa lingua. Il primo è più immediato e viene compreso più facilmente dall’inconscio. Solo dopo, eventualmente, si passerà al livello successivo, ci sarà il processo di razionalizzazione. I simboli sono stati fondamentali nella costruzione delle identità, individuali e collettive, essenziali nella narrazione che è servita a cementare clan, tribù, Stati nazionali, comunità religiose o di pensiero, tifoserie. E tutta la tecnologia a disposizione non ha cambiato poi così tanto le cose…

Bronx, luogo di nascita dell’hip hop (una Storia, due Americhe)

Se l’hip hop vede la luce nella spontaneità delle feste casalinghe del Bronx, il primo disco, l’ingresso nel mondo commerciale, è tutt’altro che genuino. Una mera operazione discografica dell’etichetta Sugarhill Records, che assembla la Sugarhill Gang come si sarebbe fatto con gruppi pop alla Backstreet Boys. Il singolo è Rapper’s Delight, di una quindicina di minuti, l’anno il 1979…

Rites of passage, how to become an adult

Becoming an adult is a gradual process, but is conventionally defined by a specific moment in which a young kid suddenly turns into a useful member of a society – even just with his or (more likely) her fertility. Populations in any time and place organized public celebrations that certified the entrance in adulthood, named “rites of passage” by the French anthropologist Arnold van Gennep…