Author Archives

Gabriele Santoro

Le barzellette sono una cosa seria

Jorge da burgos nome della rosa

Le barzellette godono di una duplice reputazione. Se da un lato vengono considerate retaggio di un umorismo ormai passato, facendo storcere il naso a molti, dall’altro hanno una grande valenza storico-popolare, come tutta quella cultura tramandata oralmente fatta di canti, proverbi, massime, tradizioni. Sono un patrimonio ormai collettivo, impossibile risalire alla fonte originaria. E forse non avrebbe nemmeno senso…

Tourette’s Syndrome and the stereotype of coprolalia

amadeus tourette

Tourette’s syndrome had been diagnosed for the first time in 1884 by the French doctor George Gilles de la Tourette, but its causes are not utterly known, unlike the symptoms. The main stereotype concerns the association with coprolalia, a compulsive behavior that forces to use foul language. Coprolalia is surely one of the symptoms, but is not the only one and it’s not that frequent. Case studies can be really different, too much to have a typification…

Streghe d’oriente e garofani rosa, il Giappone ripartì dallo sport femminile

Negli anni ’60 il Giappone deve ancora finire di ricostruire società, economia e soprattutto immagine dopo il suo ruolo nella Seconda Guerra Mondiale. Nel 2011 bisogna superare la tragedia di Fukushima. In entrambi i casi, a fare da collante nazionale sono stati (anche) due successi sportivi al femminile, portati a termine dalle “streghe d’oriente” (pallavolo) e dai “garofani rosa” (calcio)…

The bat is not a “plague-spreader”, it’s more like an “antivirus”

pipistrelli habitat

Medically speaking, bats are behind all the viral epidemics of the last decades. SARS in China, MERS in the Middle East, Nipah in Malaysia, Ebola in Africa, now Covid19. The pattern is always the same, the virus goes from bats to an intermediate host and then there is the spillover towards humans. Once again, bats have to shake off their negative reputation: they’re not the problem, they can actually be the solution…

Abitudine al cambiamento, il cervello si adatta in 66 giorni (più o meno…)

Il cambiamento, spesso, spaventa in condizioni più tranquille, figurarsi in una pandemia. Ma il cervello ha grande adattabilità, magari più sorprendente di quanto pensiamo. L’importante è tenere in mente che le reazioni non sono rispondenti allo stesso modo per tutti e che le statistiche, in casi come questi, possono dare un’idea generale ma essere facilmente disattese. Essere più lenti non deve quindi preoccupare…

Le responsabilità dell’intrattenimento (pt. 2)

Da un po’ di tempo a questa parte si sta guardando a vecchi film o serie TV con i parametri di giudizio attuali. Probabilmente siamo in una fase di adattamento da un tipo di società a un altro, in cui, per reazione a problemi oggettivi di discriminazione, si passa a una sorta di giustizialismo sommario che non risparmia nemmeno serie TV all’apparenza innocenti come Friends e How I met your mother…

Il pipistrello non è “untore”, ma “antivirus”

Che fossero visti come demoni, divinità o supereroi, i pipistrelli non sono mai stati considerati con indifferenza. E anche l’approccio puramente scientifico (a volte antropocentrico) non li valuta neutrali. Per l’utilità nello sviluppo dell’agricoltura, essendo in grado di impollinare anche a grandi distanze, per la difesa dalle zanzare (possono mangiarne anche un migliaio a notte), ora anche come “antivirus” naturale. Ma, giustamente, alle sue condizioni…

When Allah became a man (according the Nation of Gods and Earths)

Idolatry is the first sin for Islam, whoever commits that can’t even define himself a real Muslim. Representation of the deity is strictly forbidden, because his morphology can’t be known: none can perceive it, only imagine it, risking to have a misleading idea. Plus, that would make lose the sense of a mystical mystery. But there is a less known branch of Western Islam which actually gave flesh and humanized Allah…