Inclinations

Romics, dai Millennials alla Generazione Z

Dopo ben 27 edizioni la 2022 è stata la prima al Romics per StereoType Magazine. Una vergogna, da appassionati dei fumetti! Ormai storico festival romano e internazionale, dedicato anche all’animazione e i videogiochi. A direzione femminile da almeno 10 anni. Ma noi siamo praticamente fermi a vecchi fumetti “occidentali” (tranne Zerocalcare e poco altro) e vecchi cartoni giapponesi. Per capirci qualcosa di questa nuova ondata (molto più coreana) ci siamo fatti accompagnare da un’amica ancora appassionata che l’ha seguito fin dalle prime edizioni, tra i cosplayer sul podio nelle passate edizioni, + 3 esperti d’eccezione… i nostri nipoti !

Cosplayer selfie (foto credits StereoType Magazine). La carrellata di foto che segue viene direttamente dal Romics 2022 (7-10 aprile). E’ un mix tra il poco che ci abbiamo capito noi (#anni80 #millennials) e tutto quello che sanno i 7enni e 12enni di oggi. Essi sono i rappresentanti della #GenZ (Generazione Z), i cosiddetti “Post Millennials”, i figli dei Millennials, per capirci...

Fino agli anni ’90, se andavi alle Medie c’era ben poco da condividere con quelli delle Elementari

(e viceversa). A parte che oggi si chiamano pure in modo diverso, tanto per complicarci inutilmente la vita! Questo è quello che vivevamo noi fino ai ’90. Oggi questa generazione piuttosto ampia, che va dai 3enni ai 27enni di oggi, è effettivamente “unica” perché ragazzini un tempo distanti sembrano davvero condividere molto. (Grazie a internet?). E tutti, sembrano molto più grandi per ciò che, e come, lo affrontano. Il 7enne, praticamente è un piccolo adolescente, le 12enni ragazze già grandi che ancora si innamorano di “personaggi”, come succedeva a noi coi cartoni giapponesi che mandavano su Super 3. Lady Oscar, Rensie la strega, Bia, Holly e Benji, I cavalieri dello Zodiaco, L’uomo tigre… L’immancabile TJ Unicorno che in questa “fiera del nuovo” ha fatto suonare anche il passato… che non è mica trash ! (TJ sta per TrashJay, “primo e unico Dj spazzatura” come lui stesso si definisce).

Romics 2022. Ghostbuster si aggirano… tra stand che, incredibilmente, esaltano l’essere nerd, cosa che, ai tempi nostri, e soprattutto a scuola, era praticamente motivo di punizioni morali e corporali. E invece oggi ti dicono: nerd yourself !

Tra Zelda e Link, Haruchiyo e Mikey, Senju, Mitsuya e Tanjiro…

sinceramente ci abbiamo capito poco. Ma una cosa è certa: sono tutti “personaggi che shippiamo un sacco”, dice una dei nipoti. Da ship, relationship, relazione. (Il più piccolo per fortuna ancora non parla così ;p). Ma di sicuro lo slang dei “giovani d’oggi” è molto più facile da capire per gli adulti, rispetto al nostro di 20-30 anni fa ormai, in cui spesso si inventavano nuove parole di sana pianta, e tutte legate al proprio dialetto. Col fatto che questo è “più internazionale”, e legato all’inglese, è un vero e proprio slang italianizzato e/o ulteriormente sintetizzato… più aperto. Per intuirlo basta sapere un po’ di inglese, obv!*

Romics 2022. Tale Senju… da uno dei manga giapponesi più amati e duraturi di sempre, a quanto pare: Naruto di Masashi Kishimoto (fine anni ’90) sulla storia di un ragazzino ninja, diventata poi una serie TV anime a inizi Duemila.

Al Romics dunque si ammirano cosplayer, si gira tra stand che hanno di tutto sul tema, si gioca…

Giochi “reali”, come il Go, reso celebre da Squid Game, prima serie coreana di culto, molto protagonista sia a livello di gadget che di eventi e maschere. O “nuove lotte” di “ludosport” che quindi uniscono la lotta e il gioco. E giochi virtuali, postazioni e contest di ogni tipo, dal video alla Realtà Virtuale. Si ascolta la musica, si balla, si incontrano i propri fumettisti preferiti (da Milo Manara a Sio) (ma dopo interminabili file). Si mangia e si beve (con la dovuta differenza tra l’economicità di alcuni oggetti, altrimenti introvabili, e l’eccessivo ricarico su cibi e bevande, anche piuttosto banali)…

La manifestazione è stata caratterizzata da un susseguirsi di live drawing, signing session, dimostrazioni di disegno digitale, tornei di videogiochi e di carte. Dibattiti e interviste, performance musicali e artistiche, meet & greet, mostre, omaggi ad autori e raduni cosplay”. Qui una lezione di lotta col Light Saber – la spada laser di Star Wars.

Ma soprattutto si “stalkera” e si “sprofonda”

se becchi il tuo amore (ovvero colei/colui con cui il personaggio che interpreti effettivamente sta). Magari improvvisando il matrimonio della vita con tanto di scambio di anelli creati a casa ad hoc, con nastri e perline. Oppure, in mancanza dell’anima gemella virtual-reale, può anche succedere di doversi chiedere “ma dovevo combattere?”, quando il più piccolo ha incontrato, più di una volta, la sua controparte “buona”.

Romics 2022. Ed ecco il matrimonio ! Con relativo scambio di anelli, tra Denki e Shinsou… (personaggi di My hero Academia, serie manga)

E allora ci siamo fatti shippare anche noi da questa fiera (chissà se si potrà dire così)

“strapiena rispetto agli altri anni… sarà anche perché erano già a 4 edizioni saltate per il Covid”, dice l’amica. E soprattutto dai costumi, realizzati con una cura incredibile – “spesso anche mesi di preparazione per trovare tutti i pezzi giusti. Una volta si entrava gratis al Romics se eri vestito. Puoi immaginare cosa è successo. La gente si presentava vestita nei modi più assurdi pur di entrare senza pagare. Così hanno iniziato a verificare ogni maschera con la foto a fianco. Soprattutto, all’epoca non si trovava nulla, erano costumi solo fatti a mano, fatti apposta per vincere il contest”. Contest che ti portava dritto in Giappone, mica pizza e fichi. Oggi il contest rimane, ma non c’è alcun premio ed è molto meno pubblicizzato. Anche il luogo era “molto più anonimo rispetto agli altri anni”. Tant’è che, complice un programma poco fruibile e la grande confusione, lo abbiamo perso per pochi minuti.

Romics 2022. A fine contest, Superman e Wonder Woman, due dei pochi personaggi non-orientali in posa durante il servizio fotografico, insieme a Topolino e Minnie, Joker e non molti altri…

Nonostante il fumetto sia nato negli Stati Uniti, oggi l’Oriente comanda

I personaggi provengono quasi tutti da manga (“fumetto” in giapponese) e/o anime (“cartone animato” in giapponese). Ma, dopo una lunga egemonia dal Giappone, appunto, la Corea è oggi la protagonista. “Una cultura per certi versi ancora più cruda e forte“. Molto pochi i riferimenti ad altri Paesi o proprio interi continenti. Per esempio si rimane davvero colpiti dal fatto che perfino un bambino di 7 anni, nonostante non l’abbia mai visto, conosca ogni personaggio di Squid Game. Soprattutto la temibile bambola dell’1, 2, 3… stella! E come lui tutti i suoi compagni di classe. Praticamente il marketing del prodotto arriva prima del prodotto ormai!

Senza dimenticare i vincitori di quest’anno che sono pur sempre i fumetti

Superata la fascinazione per i costumi, rimane il succo del festival, premiare e far notare le nuove uscite e i nuovi talenti… qui sotto trovate la lista di tutti i vincitori. In attesa della prossima, imminente, XXIX edizione romana dal 6 al 9 ottobre 2022. E senza dimenticare il Lucca Comics, dal 28 ottobre al 1 Novembre 2022. “Considerata da molti come la più importante rassegna italiana del settore, prima d’Europa e seconda al mondo, dopo il Comiket di Tokyo“.

Romics 2022. Gli sposi cadaveri al photo-shooting (dall’animazione firmata Tim Burton anno 2005)

*Obviously, ovviamente.

———————————————————————————————————————————

Le premiazioni dei Romics d’Oro

hanno avuto come protagonisti la fumettista Laura Scarpa e il giornalista Vincenzo Mollica. Due figure poliedriche che hanno celebrato la loro quarantennale carriera artistica. La ventesima edizione del Premio Romics del Fumetto realizzato col patrocinio del Centro per il libro e la lettura, ha assegnato:

Menzioni speciali
Stone Fruit
Di Lee Lai, Coconino Press

I gatti del Louvre 1
Di Taiyo Matsumoto, J-POP Manga


Miglior Libro di Scuola Angloamericana
Premio ex-aequo

The Seeds
Di Ann Nocenti e David Aja, BAO Publishing

Il fiume di notte
Di Kevin Huizenga, Coconino Press

Miglior Libro di Scuola Giapponese
Tredici notti di rancore
Di Kazuo Kamimura, Coconino Press


 Miglior Libro di Scuola Europea
 Castello di sabbia
Di Pierre Oscar Lévy e Frederik Peeters, Coconino Press

Miglior Ristampa
Black Kiss Omnibus
Di Howard Chaykin, saldaPress

Miglior Serie
Usagi Yojimbo – L’edizione speciale 8
Di Stan Sakai, ReNoir Comics


Miglior Libro di Scuola Italiana
10 Ottobre. Primo volume.
Di Paola Barbato e Mattia Surroz, Sergio Bonelli Editore


Miglior Libro per Bambini e Ragazzi
Premio ex-aequo

Easy Breezy
Di Yi Yang, BAO Publishing

Le sorelle Grémillet. Il sogno di Sara
Di Alessandro Barbucci e Giovanni Di Gregorio, Tunuè


Premio Nuovi Talenti
Prima di tutto tocca nascere
Di Sonno, Feltrinelli

 
Premio Speciale della Giuria
Quaderni russi. Sulle tracce di Anna Politkovskaja e Quaderni ucraini. Le radici del conflitto
Di Igort, Oblomov Edizioni


Gran Premio Romics
Ritorno all’Eden
Di Paco Roca, Tunuè

L’ARTICOLO TI È PIACIUTO? SOSTIENICI CON UN CAFFÈ!

Un articolo per il costo di un caffè, quello che ci dà energia tanto quanto voi lettori 🙂 Grazie! ❤ P.S. non mancheranno premi per i migliori donatori!

€0.90

1 reply »

Leave a Reply