Prosperity

SanVa (dai lupercalia a San Valentino)

san valentino

Foto: Designecologist per Unsplash

Come molte delle principali festività cristiane (Natale, Epifania, Pasqua, Ognissanti, Carnevale), anche San Valentino è frutto del sincretismo con radicate tradizioni pagane.

La festa degli innamorati si sovrappone infatti ai lupercalia romani di metà febbraio, tre giorni di trasgressive celebrazioni in onore delle greggi (onore si fa per dire, visti i sacrifici), della purificazione, della fertilità e della rinascita. In questo periodo particolarmente freddo, i lupi si facevano più minacciosi nei confronti degli animali addomesticati.

Luperco era una delle divinità rurali dell’antica Roma, inizialmente accostata al lupo sacro a Marte e poi sostanzialmente sovrapposta al dio greco Pan.

altare marte e venere lupercali

Retro dell’altare di Marte e Venere, alla base della statua al dio Silvano. Rappresenta l’allattamento di Romolo e Remo da parte della lupa

Nella prima parte della festa, i celebranti sacrificavano un cane e delle capre nei pressi del lupercale, luogo dove, secondo la leggenda, la lupa allattò Romolo e Remo.

Nella seconda parte invece, venivano scelti due giovani patrizi, poi sostituiti da appartenenti all’ordine degli equestri, cui veniva messo sulla fronte il sangue degli ovini, ripulito (simbolicamente purificato) con del latte. Quindi i due dovevano ridere, per rappresentare la rinascita dopo la morte. I ragazzi in seguito, vestiti solo delle pelli degli animali sacrificati, giravano intorno al Palatino – il giro rievocava rituali pastorali preromani di protezione del gregge, idealmente racchiuso in un cerchio – e percuotevano con delle fruste, sempre di pelle di capra, il ventre delle donne che si offrivano per ricevere l’agognata fecondità.

Le origini dei lupercali sono dibattute. Se il lato di protezione del gregge sembra più chiaro, quello sulla fertilità dovrebbe risalire all’epoca del primo re Romolo. Secondo Ovidio, in quel periodo ci fu una prolungata sterilità, cui si cercò di porre rimedio con un pellegrinaggio al colle Esquilino, dove si trovava il bosco sacro a Giunone.

adam elsheimer lupercali

Adam Elsheimer, lupercali a Roma

La dea suggerì che le donne venissero penetrate da un caprone sacro (un fauno?), l’interpretazione fortunatamente virò verso la modalità descritta prima, la fustigazione da parte di giovani che indossavano le pelli delle capre.

Il passaggio al cristianesimo non cancellò certo di colpo tutte le credenze pregresse, perciò la Chiesa cercò di sovrapporre un nuovo significato alle festività preesistenti. I lupercali furono tra le più dure a morire, finché nel 495 papa Gelasio I scrisse una lettera ad Andromaco, princeps senatus, scagliandosi fortemente contro i convertiti cristiani che ancora celebravano riti immorali.

Gelasio istituisce la Candelora. Mantiene le fiaccolate dell’ultimo giorno dei lupercali, il 15 febbraio, ma fa sì che siano sempre dedicate alla purificazione, ma della Vergine Maria, 40 giorni dopo la nascita di Cristo. Con la riforma del calendario da giuliano a gregoriano, la Candelora è “scalata” al 2 febbraio.

san valentino biglietto

Biglietto di San Valentino, foto di Helena Lopes per Unsplash

A coprire la festa di metà febbraio è stato quindi San Valentino, l’amore in senso più pagano dei lupercali è stato sostituito da quello romantico. Ma non è chiaro al di là di ogni ragionevole dubbio perché Valentino sia il santo protettore degli innamorati, in merito ci sono ipotesi più suggestive che altro. Forse perché donò a una ragazza il denaro necessario affinché costituisse la sua dote da elargire al matrimonio, forse perché violò le disposizioni dell’imperatore Claudio II di celebrare matrimoni in guerra, oppure perché celebrò uno sposalizio misto pagano-cristiano.

Ufficialmente comunque, tra i tanti santi Valentini esistiti, la commemorazione riguarda Valentino di Terni, vescovo martirizzato il 14 febbraio 273, protettore degli epilettici (oltre che, ovviamente, degli innamorati).

Negli Stati Uniti (dove sennò?) del XIX secolo si pensa di dare alla festa anche un senso commerciale, poi esportato nel resto del mondo anche non cristiano – praticamente la stessa operazione fatta con Halloween. Cominciano a venire prodotti i caratteristici biglietti d’auguri, da accompagnare a regali, fiori e cioccolatini su tutti, ma anche gioielli di valore, per un giro d’affari secondo solo al Natale.

James Cook

James Cook ritratto da Nathaniel Dance-Holland

Per gli hawaiani, il 14 febbraio ha però un altro significato. In quel giorno del 1779 il capitano britannico James Cook viene assassinato proprio nell’arcipelago del Pacifico, più precisamente a Kealakekua.

Se Cook da un lato è stato un importante esploratore e cartografo, dall’altro ha aperto la strada all’eccidio di popolazioni del Pacifico, non solo con la violenza del colonialismo, ma anche con la non sempre accidentale condivisione di malattie, come nel caso della sifilide e altre trasmissibili sessualmente.

Il 14 febbraio alle Hawaii, oltre a San Valentino, è anche Hauʻoli Lā Hoʻomake iā Kapena Kuke, più o meno letteralmente la “festa della morte del capitano Cook”. Un casuale quanto archetipico connubio tra amore e morte.

 

L’ARTICOLO TI È PIACIUTO? SOSTIENICI CON UN CAFFÈ!

Un articolo per il costo di un caffè, quello che ci dà energia tanto quanto voi lettori 🙂 Grazie! ❤ P.S. non mancheranno premi per i migliori donatori!

€0.90

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s