Gender

Making (of) Love, un film per dire sì alla tua libertà

Making of love collage

Making of love, collage di tutti i collaboratori al progetto

L’educazione sessuale arriva (finalmente) nelle scuole. Ed è fatta dai ragazzi”. Questo è l’ambizioso progetto di Making of Love, portato avanti da otto giovani italiani, dai 19 ai 25 anni: “realizzare un film che racconti ad altri ragazzi e ragazze (dai 15 anni in su) le varie sfumature della sessualità a partire dall’ascolto del proprio corpo e dei propri sentimenti. E visto che in Italia l’educazione sessuale latita, a fine anno lo porteremo nelle scuole…!”

(continua da L’insostenibile tabù del sesso)

Di certo in Italia il sesso non è un discorso semplice. Non c’è mai stata una grande libertà probabilmente, ma alcuni Paesi sembrano faticare di più. Il sesso si fa, è naturale e vitale come bere o mangiare, e prevede delle attenzioni… ma parlarne direttamente sembra sempre una trasgressione. Qualcosa di un po’ illecito, o disturbante, o al contrario risibile. Qualcosa che mina la privacy, ci fa sentire scoperti, letteralmente nudi di fronte al giudizio degli altri. Talvolta attaccati e attaccabili. Ma è il sesso del mondo degli adulti a rimanere in silenzio, perché i giovani, sempre più diretti e attenti a certe dinamiche relazionali e sociali, si sono stufati di questa strana vaghezza, queste incredibili omissioni che “i grandi” assumono di fronte a certi argomenti importanti. Dal sesso ai cambiamenti climatici, i ragazzi di oggi si mostrano sempre più propensi a parlare chiaramente di tutto ciò li riguardi. E questo è il loro pensiero sul piacere, o Edoné come lo chiamano loro, a rievocare quella dea greca, figlia di Eros e Psiche (Volupta tra i Romani), nata senza colpe…

FILIPPO, detto Feel, è il più grande del gruppo, 25enne torinese, con una formazione in teatro e cinema. Parla di Making of Love come “un progetto veramente bello, accattivante, ma effettivamente pericoloso, un azzardo, che è proprio ciò che lo rende magnifico. Siamo dei piccoli Prometeo che rubano il fuoco agli Dei, siamo nella capitale del tabù: il sesso. E siamo sulla soglia dell’emancipazione collettiva dove parlare di sesso in maniera distaccata è ciò che lo conferma. Per ora il sesso e l’Eros si sono sempre raffigurati, ma nessuno ne ha mai parlato apertamente; li si è solo messi lì, sul piatto, tra i tanti altri ingredienti fondamentali che costituiscono l’uomo”.

Io vedo Making of Love un po’ come un ariete. La testa infuocata, cioè la parte anteriore che è il film, ovvero Edoné, il piacere; e poi la trave che la regge, a cui tutti noi siamo aggrappati, che è il progetto nell’insieme. Siamo tutti lì in fila, uniti dallo stesso scopo, con Lucio e Anna al fondo che controllano se la direzione è corretta, se l’ariete sta colpendo la porta giusta”. Lucio Basadonne e Anna Pollio, registi e produttori di documentari premiati a livello internazionale, tra cui Unlearning (2014) e Figli della libertà (2017), definiti come “inviti gentili alla disobbedienza”, sono i supervisori del progetto, insieme a Paolo Mottana, professore di Filosofia dell’educazione e di Ermeneutica della formazione e pratiche immaginali all’Università di Milano. “La scelta di chiamare otto ragazzi in produzione è arrivata dopo un anno di lavorazione, quando era chiaro che c’era bisogno del loro punto di vista”, si legge sul sito. In pratica “Making of Love è il titolo di tutto il progetto che è iniziato due anni fa come documentario e poi si è ampliato ed è raddoppiato”, racconta Anna. “Quello che stiamo girando è Edoné – la sindrome di Eva, una fiction che hanno deciso di raccontare gli otto ragazzi, e poi ci sarà il documentario con tutto il making of di questi due anni di ricerca”. Tra produttori e co-produttori spiccano il primo negozio online di sex toys operativo in Italia, My Secret Case; Oyvind Nyborg Gregersen, già distintosi in altri progetti di grande spessore con la sua Mattima Films; senza contare tutti i piccoli e grandi “produttori dal basso” che potranno diventare tali grazie alla partecipazione al crowdfunding.

Quale porta può definirsi giusta?”, continua Filippo, “cosa c’è da sfondare in Italia con tanta urgenza? Ebbene potrebbe essere la porta dell’ipocrisia che separa il nostro ego dal giudizio del mondo esterno. L’ipocrisia è quella brutta bestia che fa prendere le distanze con l’ignoto a prescindere, senza conoscerlo, ma così facendo ne rimane attratta e fa il contrario di quel che professa. Guardiamoci: piccoli servi della nostra stessa morale distorta e riadattata a seconda di come conviene”.

Ora tornando a Edoné, il piacere, si può dire che il nome è già abbastanza esplicito, ma la cosa importante sta nel comprendere cosa sia realmente e, nel caso specifico del film, cosa sia per i più giovani. Forse sono solo ragazzi e ragazze di tutte le etnie, religioni, Stati, sessi, differenti o simili, vestiti o nudi, esperti o novizi che imparano l’arte di amarsi nel concreto, nella carne, proprio ciò che la nostra generazione sta dimenticando: il corpo come insieme di sensazioni, odori, sudore, vita. C’è forse qualcosa di più bello di due giovani che si scoprono insieme, per la prima vera volta? C’è qualcosa di più coraggioso, di più audace del mettersi a nudo per noi stessi e il prossimo in modo equanime? Avanzando pian piano, insieme e incerti, ci si scopre per quel che si è, si arrossisce dopo qualche battuta, si deglutisce, la mano trema, la bocca si contrae e ci si affida all’altro nel bacio, il più difficile degli equilibri, il più sacro dei gesti, la più bella delle storie”.

Per quel che mi riguarda mi sono sentito davvero bene nel cavalcare l’onda erotica del progetto che si è tramutata in Arte, una grande onda rossa che infonde vita e passione, un’avventura incerta e meravigliosa, imprevedibile, proprio come la scoperta dell’altro. Quando si parla di sesso infatti, non si può definire sporco l’atto in sé, ma solo l’idea che precede l’atto, la missione è quindi liberare l’idea dell’atto sessuale dalla malizia, imposta da una cultura repressiva e paternalista. Siamo umani, facciamo sesso, non c’è niente di male”.

ANNALISA, detta Isa, “22enne genovese dal cuore spagnolo” e studentessa di Naturopatia, si sofferma sulle prime fasi del progetto:Tutto è nato con l’idea di fare un documentario, per cui ci è stato presentato un soggetto su cui abbiamo iniziato a lavorare. Presto ci siamo resi conto che il linguaggio che volevamo usare, affinché ragazzi della nostra età e anche più piccoli potessero capire, era il nostro. Quello che usiamo tutti i giorni per raccontarci le nostre storie, tra amici. Abbiamo stracciato tutto quello che avevamo e, fra crisi e paure, abbiamo iniziato a scrivere una sceneggiatura. ‘Da dove partire?’ La risposta non è stata semplice. E ‘come facciamo a parlare di tutto quello che è il mondo della sessualità in un film di 100 minuti?’ Che ci sia bisogno di parlarne, lo abbiamo capito bene. Abbiamo ricevuto richieste da parte di un sacco di persone che vogliono dare voce alle loro storie mai ascoltate: ‘Ma parlerete anche di questo?’, ‘e di questo?’. Altra fase complicata che ha preso tempo e discussioni. Non potendo parlare di tutto, dobbiamo capire quali siano gli argomenti che tengono le basi della sessualità. Abbiamo iniziato a scrivere con alcuni argomenti in mente e, in un flusso creativo in divenire, abbiamo creato il film. Oggi, se riguardiamo indietro, ci rendiamo conto che questi pilastri ci sono e sono la consapevolezza e accettazione di sé stessi, del proprio corpo e della propria libertà, il consenso, l’autenticità, il piacere e l’affettività“.

Questo film non è quindi un semplice film di ‘educazione sessuale’, bensì un film che attraverso storie comuni, vere e autentiche, racconta questo percorso di accettazione. In fondo è proprio questo ciò che manca nell’educazione, sessuale e non, di oggi, nelle scuole ma anche con i propri genitori: nessuno a scuola parla di come imparare ad accettarsi se ti senti diverso dagli altri; o del fatto che solo noi stessi possiamo decidere sulla nostra vita; pochi ci insegnano che, se dobbiamo fare qualcosa, abbiamo il potere di chiederci se lo vogliamo fare veramente o se sono il contesto o le pressioni sociali e culturali che ci inducono a farlo; nessuno a scuola ti parla di come la sessualità sia energia creativa e positiva, ci raccontano solo di quante malattie potremmo contrarre. Ci hanno chiesto quale sia il limite che abbiamo mantenuto tra educazione sessuale e pornografia, e il “limite” che ci siamo posti è la verità. Quello che succede ed è successo a tutti noi nella vita, tutti i giorni, fra le quattro mura di casa. Ed è proprio questo il messaggio che, senza presunzione, speriamo di passare”.

LORENZO, 20 anni, attore romano: “in un Paese come l’Italia dove parlare in libertà di piacere, amore, sesso è ancora un tabù, un progetto come Making of Love è necessario. Edoné è solo uno dei risultati di questo progetto, una storia, un’avventura che ha del magico, che sotto forma di lungometraggio vuole far arrivare un importante messaggio. Non stiamo promuovendo certe pratiche piuttosto che altre, non è un invito a fare sesso sfrenatamente e senza confini, ma vogliamo che tutti sappiano che il piacere esiste in varie forme che non per forza devono essere condivise da tutti, ma quantomeno rispettate, e non taciute o censurate.”

Invece, per chi già sa tutto questo, è un invito a non vergognarsi e non nascondere il modo in cui il piacere viene vissuto, solo perché una società ancora non è in grado di comprenderlo. Noi vogliamo essere la scintilla che appiccherà un fuoco che lentamente crescerà, un calore di rispetto, senza giudizi. Non pretendiamo di essere maestri del sesso né di saperne più degli altri, non è nel nostro interesse. Ma crediamo che un cambiamento, rapido o meno rapido, sia possibile. Io stesso durante la mia adolescenza mi chiedevo ‘ma come si fa?’, ‘sono in grado?’, ‘cosa mi piace e cosa no?’ e le risposte facevo fatica a trovarle. Soprattutto perché facevo fatica a domandare, per vergogna”.

Crescendo, e anche grazie all’avvicinamento a questo progetto, ho capito che scoprire e scoprirsi, non è una vergogna, anzi, è un diritto. Avendo conosciuto persone testimoni di come loro vivono il piacere, pur sapendo che il loro piacere non era il mio, ho comunque compreso il loro punto di vista e che una consapevolezza del genere dovrebbe essere globale per pulire la macchia del giudizio e della discriminazione. Parlando di Edoné, sono convinto che la scelta di fare un film sia vincente, più accessibile e accattivante rispetto a un documentario, sia per i ragazzi che per i più grandi. Nessuno è escluso, nessuno dovrebbe esserlo, così come il poter provare piacere nel modo in cui si preferisce. Ci vediamo al cinema!”

ENRICA, 23 anni, attrice valdostana: “Anno 2019. Le ragazze vogliono essere Chiara Ferragni in discoteca, i ragazzi Rocco Siffredi a letto. La ricerca del corpo perfetto e della finzione ce la portiamo con noi proprio dove non dovremmo portarla: nel sesso. Vogliamo tutte essere magre, vogliamo tutte avere le tette di Emily Ratajkowski e il culo di Nicki Minaj. Fin da quando siamo piccoli, ci hanno insegnato a non usare termini quali: sesso, pompino, orgasmo, anale. ‘Non sta bene in pubblico’, ‘certe cose non si dicono’, ‘non dire parolacce’, e poi tornavamo a casa e ci ammazzavamo di porno. ‘Una ragazza che si masturba davanti ai porno? Che troia’. Eh sì, proprio una troia. Pure nel sesso ci hanno insegnato a fingere. Vediamo corpi che non sono veri, relazioni inesistenti, e poi tutte le gaffes, le risate, il mettersi le mutande al contrario, il non depilarsi, il cercare di fare un pompino senza mettere i denti… nei porno queste cose non ci sono e noi chiaramente tendiamo a imitare quello ci danno diventando bambole gonfiabili”.

Edoné per me ha significato, una ricerca di identità che ho provato sulla mia pelle e ho visto provare sulla pelle degli altri. Se non ci lasciano essere nemmeno dove il nostro istinto dovrebbe liberarsi maggiormente, cosa possiamo diventare? Non è soltanto un film sul piacere e sul sesso fine a sé stesso. È un film sulla riscoperta di sé che vuole far arrivare ai ragazzi il messaggio del ‘hey, ti hanno sempre detto che parlare di sesso non va bene, che non puoi essere quello che realmente sei’. Ma la vera domanda da fare è: perché non posso parlare di sesso? Perché non posso dire ai miei amici qual è la mia più grande perversione senza essere guardata come vivessi in un altro pianeta? Perché ancora oggi a letto certe volte non so dire di no? Perché non posso vedere mia sorella andare in giro mano nella mano con la persona che ama?

Io credo che nel 2019 più che mai, dove in ogni contesto, a scuola o nelle prime esperienze lavorative, l’apparenza è più importante dell’essenza, un film così pregno di identità sia fondamentale. Ci hanno cresciuti mettendo un filtro Instagram su ogni cosa che ci passasse davanti, pure su quella che dovrebbe essere la cosa più naturale e positiva del mondo. Questo film vuole fare la rivoluzione, non perché si parla di tette, culi, sesso anale. È un punto di partenza. Il sesso è un pretesto. Edoné è un grido politico da parte di otto giovani ragazzi che intendono cambiare il modo in cui la società li ha cresciuti e ingabbiati. Questa rivoluzione sessuale è il nostro punto di partenza per sentire la libertà di essere quello che la società ha rinchiuso in delle regole incoerenti e soffocanti. Sono una ragazza di 23 anni. E la me di 14 anni avrebbe solo potuto sognare di vedere otto giovani fare un primo passo per cambiare”.

MATTEO, 19enne all’ultimo anno di Liceo Artistico afferma che “Edonè è stato un modo per farmi scoprire un nuovo sguardo sulla sessualità; un mondo composto certamente dal tatto, ma anche da odori, suoni e sapori. Per me è stato un vero e proprio viaggio che mi ha concesso una crescita personale, e spero che lo possa essere anche per tutti i fruitori futuri di questo progetto”.

CLAUDIO, detto Clode, cineasta 20enne: “Il film per me affronta un grosso disagio della nostra generazione: il conflitto con sé stessi e il problema dell’identità. Chi sono? Mi sto nascondendo? Dagli altri o da me stesso? I personaggi affrontano le proprie paure e riscoprono la loro identità attraverso una componente cardine di loro stessi: la sessualità”.

PIPER, detta Pip, brianzola 19enne, si è messa a piangere leggendo Il piacere di Gabriele D’Annunzio probabilmente perché: “Edoné è l’arte di cum-prendere l’altro. Non capire, non de-finire ma comprendere, portare dentro, portare con sé e accogliere quello che è altro da noi. Chi è più difficile da accogliere se non noi stessi? Convincersi che non c’è nulla che non va, che quello che c’è va bene? Che palle, non solo convincersi: anche i miei ex-morosi passatempo mi facevano incazzare quando mi dicevano che ero carina. Nessuno può convincerti che vai bene se non ti senti così; nessuno tranne te stesso”.

E come a rispondere alle domande universali di Clode… Pip continua il suo sfogo bello e personale: “È l’ora di una storiella. I porno (almeno quelli che ho visto io) ti fanno vedere la fichetta alla Barbie (perfettamente rasata, chiusa da una fessurina come una cozza). Peccato che io non ce l’ho. Io ho perso la verginità super presto e nessuna delle mie amiche aveva mai affrontato questo incontro del terzo tipo con un maschio. La mia sembra un tulipano quando arriva a fine stagione: i petali esterni sono un po’ più afflosciati di quelli interni (sto cercando di dire che le mie piccole labbra sono più grandi di quelle interne). Mi guardavo allo specchio e cercavo di rificcarmele dentro sperando che il mio moroso del tempo non se ne accorgesse. Tentativo più che vano visto che appena aprivo le gambe risbucavano. È stato come nascondere le sigarette alla mamma: ‘ahimè ho la fica a tulipano!’ Nessuno mi aveva mai detto che era normale. Mai”.

Ed eccoci alla bellezza di 6 anni dopo. Ancora convinta di avere la fica deforme, un culo brutto, la pancia. Spiegami come posso fare l’amore con una persona, come posso “incontrarla”, se non potevo neanche incontrare me stessa? Credo (opinione personale eh) che la prima sfida sia questa, e tutto il progetto di Making of Love + Edoné mi ha dato questo. La voglia di guardarmi allo specchio, la voglia dopo 19 anni di incontrarmi, di comprendermi. Sì, spesso i primi che percepiamo come estranei siamo noi, piccole creature inadeguate allo sguardo altrui. Making of love mi ha proposto un’opportunità di vedermi. Grazie a Dio l’ho presa. Chissà che razza d’amore starei ancora facendo visto che spesso non ero molto presente… Questo progetto non è la macchinetta delle caramelle: non devi selezionare cosa vuoi e aspettare che arrivi. È un po’ più magico e meno meccanico di così. Non è un manuale su come fare l’amore.”

 “Per questo abbiamo proposto una fiction. Non vogliamo dire a nessuno come amarsi e come amare; vogliamo mettere davanti a voi delle storie umane. Il documentario ci avrebbe permesso molto realismo, è vero, ma vivendo questo viaggetto di una notte con i nostri magici personaggi speriamo di farvi vedere quanto la sessualità sia un labirinto tanto complesso e ampio, pieno di sorprese e imprevisti che però offre anche la possibilità di fare spazio e muovere i nostri passi sulla strada. Ci permette di cum-prenderci un pochino di più. Il mio più grande augurio è questo: che ogni creaturina di qualsiasi età sia capace di vedersi in tutte le sue crepe e ferite, in tutte le sue bellezze e particolarità. Che ognuno sia. Che ognuno ci stia alla sfida di farsi conoscere. Il sesso per me è bello, basta. Cosa devo aggiungere?”

Probabilmente nulla. Il sesso è animale, ma anche umano. Fare finta che non esista non è il modo migliore di vivere, e questi ragazzi l’hanno già capito. Sull’onda delle loro suggestioni di fatto profondamente esistenziali e filosofiche, dall’esplorazione del reale che porta al “non visto” degli schermi alla necessità di una libertà che ha molto a che fare con l’identità, si inserisce anche l’ultimo pensiero di MATILDE, 20enne di Reggio Emilia, studentessa di Antropologia: “Cos’è per me il piacere? Ora come ora direi che è una risata divertita tra un bacio e un orgasmo. Fin dalle mie prime volte ho sempre visto l’ironia come un elemento fondamentale del sesso. Se ti dò una dentata invece che una slinguazzata sensuale, scoppio a ridere e sdrammatizzo, poi ti ricaccio la lingua in gola. Se ho un nuovo brufolo all’angolo della bocca, preparati al miglior threesome della tua vita. Chiedermi ‘ma perché ridi?’ ha preso il posto di ‘sei venuta?’. Perché rido? Perché sono felice. Ed Edoné è anche questo, il piacere di essere vivi”.

Se volete aiutare questi ragazzi nella produzione del film e conseguente distribuzione nelle scuole questo è il link per partecipare al crowdfunding (entro il 27 novembre 2019), tra i tanti premi anche l’opportunità di diventare dei veri e propri produttori cinematografici con relativa percentuale di incasso.

Advertisements

1 reply »

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s