Gender

Un municipio Grande come una città

grande come una città chiamata alle arti

Grande come una città: una “chiamata alle arti” da chi la vuole fare in prima persona. (Brancaleone, Roma 3 febbraio 2019)

Grande come una città è il municipio III di Roma, zona nord-est della capitale che va da Monte Sacro a Tor San Giovanni. Grande non tanto per il territorio, ma per la comunità di cittadini che è nata al suo interno con tutta l’intenzione di risvegliarlo tramite eventi e progetti sociali e culturali autogestiti. Come si faceva durante le occupazioni al liceo, ma senza occupazioni e senza liceo. Grande come una città, al contrario, apre le porte e gli spazi e coinvolge una città intera…

Era settembre 2018, quando il neo assessore alla cultura, Christian Raimo, conosciuto fino a quel momento come scrittore, invitò i cittadini al Municipio per discutere di un progetto sociale e culturale che li coinvolgesse direttamente. “Sorprendente fu l’immediata e grandissima risposta”, commenta Maurizio Berardini che a oggi è il referente di Terzo in genere, il gruppo tematico che di questioni di genere, appunto, si occupa.

Ma procediamo con ordine. Da quella riunione che vide 300 persone interessate alla nuova iniziativa discutere fino a tarda sera, Grande come una città inizia la sua avventura (su Twitter è possibile seguire ogni aggiornamento), riuscendo a coinvolgere non solo le singole persone, ma anche le associazioni e i luoghi. “Aprire le porte è il nostro gesto creativo”. E da una semplice disponibilità all’apertura (dal governo, seppur locale, ai cittadini), si è arrivati in poco tempo (sono passati solo 7 mesi da quel giorno) a una strutturazione spontanea, secondo gli interessi di ognuno, che è stata in grado di realizzare iniziative ed eventi concreti di grande spessore e utilità sociale.

Destino: Marte! Scuola di Lotta Ambientalista - Per amore della Terra

Dal genere alla politica, dalla scuola all’ambiente, dalla musica alla lettura… Grande come una città cerca di occuparsi a tutto tondo dei temi, problemi e sfide attuali

Oggi 28 gruppi tematici lavorano costantemente per organizzare tutto ciò che è di loro interesse e quindi di interesse per la comunità stessa. Gruppi che riguardano educazione, cultura, spazi pubblici e privati, arti, migrazioni, economia, antropologia e psicologia sociale… oltre a quelli che si occupano della fondamentale organizzazione e comunicazione.

Nel dettaglio:

ARTI

Arti Performative

Arti visive, Fotografia, Architettura

Audiovideo, Cinema, Tv, Multimedia

Musica

COMUNICAZIONE

Accoglienza

Campagne Creative

Grafica e identità visiva

Redazione e Sito Web

Social Network

Trascrizioni

Ufficio Stampa

EDUCAZIONE E CULTURA

Ambiente

Antropologia e psicologia sociale

Cittadinanza

Genere

Lettura

Scienze

Storia

Economia sociale e solidale

Accessibili (LIS)

ORGANIZZAZIONE

Associazione

Finanziamenti

Partecipazione

BENI COMUNI

Beni comuni

Mappatura spazi

SCUOLE

Scuola di italiano per stranieri

Scuola di politica popolare

LETTURA ITINERANTE

Tutto il Municipio legge Il maestro e Margherita

La necessità di avere un gruppo che si occupasse di Genere fu posta all’attenzione fin dal primo giorno, e da Raimo stesso, trovando subito alcune persone disponibili a occuparsene. Il gruppo si incontra regolarmente dal mese di dicembre e già “in poche settimane avevamo risposto a un bando del Municipio che ci ha permesso di creare Le ragazze sono in città, “festival delle libertà femminili e dell’educazione di genere”. Il gruppo consta oggi di circa 40 persone miste tra donne (in percentuale maggiore), ma anche uomini. Con la speranza di coinvolgere sempre più giovani: “nei Gruppi partecipano tanti 40enni e 50enni, alcuni 30enni, i 20enni sono forse la categoria meno presente”. “Ricordo poi che tempo fa eravamo più uomini attivi nella lotta alle questioni di genere, oggi ci sono tante donne”. Forse è l’impellente tema della violenza sulle donne che sta risvegliando vecchi e nuovi femminismi (ogni generazione ha il suo) “che qui hanno la possibilità di conoscersi e unirsi attraverso il confronto”. Perché l’esigenza ai diritti, l’orientamento sessuale e l’identità sono gli stessi per tutti.

Risultati immagini per grande come una città

Il volantino per l’8 marzo (con le ancelle di Margaret Atwood che si ribellano) made by Grande come una città. Giornata storica che nel 2019 non poteva non essere dedicata alle proteste contro un decreto (Pillon) che propone almeno 5 punti che cercano di far tornare indietro molte conquiste femminili e anche quelle che riguardano i diritti dei minori. Il decreto Pillon infatti vuole ostacolare il divorzio; ha una logica adultocentrica; impone la bi-genitorialità in ogni caso; nasconde la violenza domestica; si fonda su una sindrome (dell’alienazione parentale) a oggi considerata superata.

L’idea generale è quella di usare la questione di genere come lente per osservare la realtà. Proprio perché il genere è una questione identitaria, se non proprio esistenziale. Dalla matrice patriarcale derivano i tanti stereotipi, ovvero immagini, ruoli e aspettative, che ci condizionano ancora oggi. Per questo ci muoviamo su due fronti, di eguale importanza, il confronto e l’attivismo. Il volantinaggio organizzato a Roma (anche questo in poche settimane) contro il decreto Pillon, è stata la nostra prima iniziativa pubblica. Le donne aveva sfilato da Val Melaina a Piazza Sempione, vestite da ancelle, in riferimento a una nota serie tv dal romanzo di Margaret Atwood, Handmaid’s tale, storie di donne asservite alla riproduzione”.

Per me che ho sempre militato per i diritti GLBT, Grande come una città è un’esperienza davvero interessante, un’opportunità diversa dove punti di vista diversi e diverse esperienze di inclusione ci tengono uniti oltre le differenze. Con il gruppo di Genere ci riuniamo una volta a settimana, il mercoledì alle 18:30, tutti possono partecipare, non certo solo chi vive nel Municipio III. E poi abbiamo una chat affollatissima di idee, messaggi e proposte. Significa che l’interesse c’era, mancavano solo gli spazi e i tempi per far sì che le dinamiche collettive della comunità si concretizzassero. Non nascondiamo che sia molto impegnativo, ma quando si colgono punti di contatto è davvero gratificante”.

E così, “in soli sette mesi, abbiamo già organizzato più di 100 iniziative, coinvolto più di 500 persone al momento attive, raccolto più di 800 contatti tra mailing list ed eventi, e ancora in agenda abbiamo decine di appuntamenti”. Per esempio il prossimo si terrà proprio oggi 10 aprile 2019 nella Sala Consiliare del Terzo Municipio alle ore 18. Un incontro con l’assessore-ideatore Christian Raimo dedicato al “Destino: Marte! Scuola di Lotta Ambientalista – Per amore della terra” e l’economista Giuseppe De Marzo che esaminerà (come riportato sul sito) “la nascita dei movimenti per la giustizia ambientale e come abbiano messo in discussione l’attuale modello di sviluppo e le vecchie impostazioni delle politiche ambientali. Ripercorrendo la geografia delle lotte in atto nel mondo a varie latitudini, l’invito è a riflettere sul mondo in cui viviamo e sul potere che abbiamo di trasformarlo“.

Nella speranza (nostra) che Grande come una città sia una sorta di bellissimo progetto zero che possa coinvolgere anche tutti gli altri municipi di Roma. “Avverrà“, dice Maurizio, anzi sta già avvenendo: “Grande come una città già coinvolge o si fa coinvolgere da tantissime associazioni storiche romane che collaborano agli eventi per la comunità, e non necessariamente ricadono nel municipio III. Per esempio, e solo riguardo la tematica di genere: la Casa Internazionale delle Donne, Lucha y siesta, Donne in genere, Lab Puzzle – Bene Comune, il centro sociale Astra, i tanti centri e sportelli anti-violenza“, tra cui uno nuovo appena aperto proprio nel Municipio III, “la Consulta di Genere del municipio VIII (Ostiense) che affronta direttamente il tema più urgente della violenza di genere e altri temi a essa strettamente connessi come l’omofobia e il bullismo, transessualità e accessibilità, le unioni civili e il governo stesso che, nonostante la recente legge, ha rappresentanti che dichiarano che le famiglie arcobaleno non esistono. Be’ io sto in una famiglia arcobaleno ed esisto eccome”.

Advertisements

Categories: Gender, Origins, Uncategorized

Tagged as: , ,

1 reply »

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s