Advertisements
//
stai leggendo...
Ethnos, Professions, Uncategorized

Satira e informazione politica

Daniele Luttazzi ospita Marco Travaglio nella puntata che gli costerà l’epurazione dalla Rai

“È stato calcolato che Daniele Luttazzi – nel suo periodo d’oro, inizi del 2000 – avrebbe pesato per l’8% sull’opinione pubblica”, riportava il giornalista emiliano Andrea Mareschi. Tralasciando l’attendibilità o i metodi di calcolo del dato, in quel determinato contesto la satira sembrava il vero contraltare allo strapotere della politica e l’antidoto al vuoto (presunto) dell’informazione. La confusione è nata lì, probabilmente.

Il primo a ufficializzare questo calderone unico è stato uno a cui i primati piacciono eccome, Silvio Berlusconi, che nel lontano aprile 2002 lanciava il famoso “editto bulgaro”, in cui, con un abile giro di parole, licenziava due giornalisti non suoi dipendenti, Enzo Biagi e Michele Santoro, più il comico Daniele Luttazzi.

La satira veniva consacrata con un riconoscimento di cui non avrebbe avuto bisogno e praticamente parificata all’informazione. Una dichiarazione di guerra della politica alla comicità che non aveva avuto precedenti. Imitazioni e battutine sui protagonisti della cosiddetta “Prima Repubblica” c’erano sempre state, ma da una parte il sistema era più saggio nello stare al gioco, dall’altra c’era molta censura preventiva, dei media e degli autori stessi.

Luttazzi diventa martire della censura, prima di sparire quasi del tutto per questioni di plagio (ma è un’altra storia). E la satira inizia a prendersi troppo sul serio, perdendo proprio la sua caratteristica fondante. Una finalità che si esaurisce in se stessa, senza pretesa di cambiare il corso degli eventi, compito di altri. Aristofane non ha fermato Cleone, nel Medioevo nessuno ha scalfito papi e imperatori così come Charlie Chaplin e Karl Kraus non potevano contrastare Hitler.

Beppe Grillo

Troppa autoreferenzialità? Forse. Qualcuno ha anche messo a rischio la propria carriera, perdendo in lucidità per rincorrere la sua balena bianca come un capitano Achab (Sabina Guzzanti?). Altri l’hanno rimodellata in chiave di commentatore politico (Maurizio Crozza?) per uscire dall’alone di leggerezza. Qualcuno ha unito satira, informazione e politica per reinventarsi completamente.

Il blog di Beppe Grillo nasce con chiari intenti di controinformazione, ripresi anche nei suoi spettacoli, sempre meno comici e sempre più comizi. Nel frattempo, dall’altra parte della barricata, i politici – non solo Berlusconi – cercavano di sembrare simpatici, di fare la battutina. Per forza poi i ruoli si sono confusi.

Il giornalismo si è trovato messo in mezzo. Vicino al ruolo di opposizione e di denuncia che è anche della satira ma messo in crisi dall’informazione che quest’ultima ha preteso di fornire. Vicino al linguaggio politico, istituzionale e legato a doppio filo alla realtà dei fatti – cui la comicità invece non è invece ancorata fino in fondo. Così molti giornalisti si sono buttati in politica e continuano a farlo, altri si esibiscono in spettacoli a teatro, rubando il palco a chi di mestiere.

John Oliver, comico britannico

È vero che la società è fluida – o liquida come hanno tutti ricordato su Facebook dopo la morte del sociologo Zygmunt Bauman – ma la distinzione dei ruoli ha un senso e la risata è il parametro. La satira può anche usare i fatti come mezzo, ma non come fine che, appunto, è divertire il pubblico. I media (e in teoria la politica) hanno l’informazione come obiettivo. Che poi possano usare l’umorismo come mezzo è ininfluente – certe volte sarebbe meglio di no.

Consola, ma non troppo, sapere che non è una questione solo italiana. Sul magazine newyorchese Time, nel novembre 2014, veniva pubblicato un editoriale di James Poniewozik che cercava di convincere il comico britannico ma trapiantato oltreoceano John Oliver su come la sua satira fosse un mezzo di informazione e che di conseguenza lui sarebbe potuto rientrare di diritto nella categoria dei giornalisti.

Accuse respinte al mittente.

Advertisements

Discussion

One thought on “Satira e informazione politica

  1. Marco Travaglio è un grande!

    Like

    Posted by Francesco | February 21, 2018, 10:21 am

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Advertisements

Follow us on Twitter!

Archive

LIVING AN ARTISTIC STAY IN ROMA!

aRTiSTiC HoMe @ Monti! 2 rooms 2 bathrooms 1 hot tub

Roma, Lazio, Italia

The apartment is in an 19th century building, recently restored, along one of the most elegant and fashionable streets of the city, famous for its clothes shops, the theatre and bars. It's the big avenue that marks the northern limit of the ancient neighborhood in Roma, the legendary Rione Monti, full of alleys, churches and small squares. New meeting point for young people, few steps away from the Colosseum. The possibility to live the two souls of Roma, so big and cozy, The Great Beauty ! :-)

www.airbnb.com

Advertisements
%d bloggers like this: