mappa inferno botticelliEthnos

Inferno personale

mappa inferno botticelli

La voragine infernale, Sandro Botticelli

“Umana, sai come si patisce all’inferno? Credo proprio di no. Sai che una volta l’inferno non era altro che l’assenza di Dio? Se fossi stata in sua presenza sapresti che è una punizione tremenda. Ma poi arrivarono i tuoi simili e peggiorarono la situazione”.

Il monologo del demone Azrael sarebbe dovuto essere nel film Dogma, di Kevin Smith, ma è rimasto fra le scene tagliate. Peccato, perché nonostante il film sia una commedia surreale e a tratti demenziale – poco gradita da critica e ultracristiani – contiene interessanti spunti di riflessione.

Secondo Azrael, è stata l’umanità a trasformare l’inferno in un luogo di dannazione. Non essendo in grado di perdonarsi, ha creato uno “psicodramma”, nell’idea che Dio non avrebbe rimesso le nostre colpe.

Idea “classica” di inferno

La descrizione di Azrael coincide più o meno con l’idea che gli antichi greci avevano dell’inferno, o meglio, dell’oltretomba. La parola “ade” viene dalla radice id, vedere, preceduta dall’alfa privativa. Questo luogo, fisico anche se difficilmente raggiungibile, era dunque privo di luce.

Omero, primo a descriverlo nell’Odissea, lo racconta pieno di anime vaganti, tristi per l’assenza del sole. Che, come le divinità, è fonte di vita. I greci non consideravano il “giudizio”, perché per loro le punizioni sarebbero arrivate dagli dei, in vita.

Il peso delle azioni

I latini recuperarono invece l’idea, già presente in altre civiltà mediorientali, di differenti destini legati al comportamento sulla Terra. Virgilio, nell’Eneide, parla di premi e pene. L’Averno originario, in cui dimoravano le ombre senza distinzione fra buoni e cattivi, si diversificò fra i luminosi Campi Elisi e il tenebroso Tartaro.

anubi inferno inferi egitto

Anubi pesa il cuore del defunto rapportandolo a una piuma

Gli egizi avevano l’Amenti, regno di Seth e di altri esseri mostruosi e malvagi. Tra questi il serpente Apep, che attaccava il sole per impedirgli di sorgere. Erano 42 i giudici del tribunale di Osiride incaricati di valutare il comportamento in vita del defunto. Il suo cuore avrebbe dovuto essere tanto leggero da pesare meno di una piuma.

Asia orientale

Nell’Asia orientale l’inferno è assenza di equilibrio, ma compaiono comunque tormenti e giudizi. Nel buddhismo interviene il karma, nell’induismo c’è il regno di Taraka, portatore di odio e dubbio.

Il taoismo, quasi come l’inferno dantesco, immagina un labirinto nella città fantasma di Fengdu, divisa in ambienti a seconda delle colpe terrene. Ma la condizione non è definitiva e le preghiere dei vivi possono aiutare i cari estinti a migliorare il proprio stato. Un po’ come il purgatorio cristiano.

La lotta tra Bene e Male (assoluti)

Furono gli ebrei a modificare le regole della lotta fra Bene e Male. Satana e i demoni, a differenza delle creature maligne delle altre culture, sono di derivazione divina, cacciati dal paradiso, non entità a sé stanti.

L’influenza dell’ebraismo ha toccato tutte le religioni monoteiste e anche nell’islam compaiono tratti comuni. Come le fiamme che torturano le anime meno pie, l’organizzazione in gironi e la legge del contrappasso. Secondo il Corano, però, la permanenza nel jahannam non è fino alla fine dei tempi, ma decisa da Allah.

Dogma, per evitare diatribe serie, mette in chiaro le cose

“Benché dopo 10 minuti diventi evidente, View Askew (la casa di produzione, ndr) dichiara che questo film è, dall’inizio alla fine, una commedia surreale che non va presa sul serio. Insistere sul fatto che quanto segue sia incendiario o provocatorio significa fraintendere le nostre intenzioni ed emettere un giudizio inopportuno. Emettere giudizi spetta solo a Dio (questo vale anche per i critici cinematografici… scherziamo).

dogma kevin smith

Dogma, di Kevin Smith, con Ben Affleck, Matt Damon, Chris Rock, Alanis Morissette, Salma Hayek

Quindi per favore, prima che pensiate che questa sciocchezza di film possa nuocere a qualcuno, ricordate che anche Dio ha senso dell’umorismo… prendete l’ornitorinco. Grazie e buona visione.

P.S. porgiamo le nostre sincere scuse a tutti gli amanti dell’ornitorinco che si sono offesi per questo sconveniente commento. Noi di View Askew rispettiamo il nobile ornitorinco e non è nostra intenzione mancare in qualche modo di rispetto a questo stupido animale. Grazie ancora e buona visione”.

L’ARTICOLO TI È PIACIUTO? SOSTIENICI CON UN CAFFÈ!

Un articolo per il costo di un caffè, quello che ci dà energia tanto quanto voi lettori 🙂 Grazie! ❤ P.S. non mancheranno premi per i migliori donatori!

€0.90

Leave a Reply